lunedì 20 marzo 2017

Leggi degli uomini nelle chiese

LEGGI DEGLI UOMINI NELLE CHIESE
.
1.  LEGALISMI VECCHI E NUOVI
     Il paradosso dei giudaizzanti: È una cosa ben triste, quando alcuni vogliono vivere sotto il regime legislativo mosaico, sebbene Cristo ci abbia liberato da esso, istituendo il nuovo patto. Così facevano i Galati allora, e così fanno i loro imitatori di oggi, che vogliono salvarsi per le opere della legge! Eppure è scritto che «la legge dello Spirito della vita in Cristo Gesù mi ha affrancato dalla legge del peccato e della morte» (Rm 8,2), come viene chiamata la legge mosaica. A coloro, che vogliono essere giustificati per la legge mosaica, Cristo non giova nulla (Gal 5,2) e sono scaduti dalla grazia (v. 4).
.
     I nuovi «Mosè» nelle chiese: C’è un’altra cosa ben triste: i conduttori, che mettono nuove leggi nelle loro chiese, come se la «legge di Cristo» (1 Cor 9,21; Gal 6,2) non bastasse! Essi emettono coercitivamente ingiunzioni e divieti sui credenti e pretendono che essi ubbidiscano assolutamente a tali direttive, spesso arbitrarie e soggettive. Così facendo, appesantiscono le coscienze dei credenti, impediscono la comunione con altri credenti, pretendono di controllare le coscienze dei cristiani, come se lo Spirito Santo e la Parola di Dio non bastassero.
La nuova "legge" fai-da-te.
.
     Attenzione ai nuovi paradigmi arbitrari: Così facendo, non si accorgono che stanno imitando scribi e farisei, che creavano nuovi consensi o riproponevano vecchie tradizioni che, in effetti, mettevano fuori uso la Parola di Dio (Mt 15,6). In tali casi, quando si comincia a insegnare dottrine, che sono precetti di uomini (Mc 7,7), vale il seguente rimprovero di Gesù: «Avendo tralasciato il comandamento di Dio vi attenete alla tradizione degli uomini... Come sapete bene annullare il comandamento di Dio, per osservare la tradizione vostra!» (vv. 8s).
.
     Attenzione ai nuovi clericalismi: C’è sempre il rischio che i conduttori si trasformino da curatori del gregge, che creano nei credenti volontarietà, in coloro che signoreggiano le pecore del Signore (1 Pt 5,2s). Questo è l’inizio del clericalismo nelle chiese. Allora tali moderni Diotrefe si ergono ad autorità indiscussa, che non ammettono alcuna decisione personale dei credenti in campo spirituale e morale, pena una pesante disciplina e l’ostracismo. Infatti, Giovanni lamentava di Diotrefe che «non solo non riceve egli stesso i fratelli, ma a quelli che vorrebbero riceverli impedisce di farlo, e li caccia fuori della chiesa» (3 Gv 1,9s). Tale leva dell’ostracismo era già stata usata dai Giudei (cfr. Gv 9,22.34s; 12,42; 16,2).
.
2.  ALCUNI APPROFONDIMENTI: [→ Sul sito]
.
[→ CONTINUA LA LETTURA: http://puntoacroce.altervista.org/_TP/A1-Leggi_chiese_Sh.htm] Solo dopo aver letto l’intero scritto, voi che rispondereste nel merito alle questioni in esso contenute? {Nicola Martella}
     ATTENZIONE: Quanto scritto sulle bacheche o nei gruppi gestiti da Nicola Martella o inviato per e-mail, può diventare oggetto di un nuovo tema di discussione o un contributo sul sito «Fede controcorrente» e su altri associati a esso. ► Per ricevere e-mail di notifica sulle novità, ISCRIVITI ALLA MAILING LIST: https://groups.google.com/forum/#!forum/fede-controcorrente/join
.
*** Discuti questo tema qui o sulla mia pagina di "Facebook": https://www.facebook.com/notes/puntoacroce/leggi-degli-uomini-nelle-chiese/10155162803722990

martedì 14 marzo 2017

Fa’ il nonno cristiano!

FA’ IL NONNO CRISTIANO!
.
Mi trovavo a casa di mia figlia, con cui era più di mezz’anno che non ci vedevamo di persona. Quella mattina stavo pregando nella stanza, in cui dormivo. A un certo punto entrò il mio nipotino Elia (3 anni). Gli dissi: «Sto pregando. Vuoi pregare con me?». Come mi aspettavo, chiuse la porta e sparì. Dopo un po’ rientrò di nuovo, e gli dissi più o meno la stessa cosa. Per mia meraviglia venne verso di me e annuì. Ci sedemmo sul letto e, prima ancora che potessi dire alcunché, partì in quarta con la sua preghiera. Feci come lui e pregai anch’io per lui e la sua famiglia. Gli diedi un bacio sulla testa. Poi, corse via, chiuse la porta e sparì. Io ripresi la mia preghiera personale.
     Ho dovuto riflettere con quanta naturalezza un bambino accetti di pregare col nonno e poi lo faccia, visto che in famiglia pregano normalmente insieme, almeno prima dei pasti e prima di dormire la sera.
     Poi, la sera Benedetta (8 anni), con Elia al seguito, mi venne a chiedere, se potevo leggere loro la storia illustrata per bambini sul cieco Bartimeo di Gerico. Visto che quella storia era stata letta loro innumerevoli volte, devono essere rimasti felicemente sorpresi nel vedere come il nonno fosse capace di illustrarla in tutta la sua drammaticità, coinvolgendoli personalmente! «Pensa se tu portassi una benda sugli occhi e volessi andare in bicicletta!». «Non si può, perché cadrei e mi farei male», ripose all’incirca Elia. «Avresti avuto tu il coraggio, di gridare così forte a Gesù, mentre la gente ti diceva di stare zitto?». E così via. Alla fine apparivano molto soddisfatti.
     Questi sono doni, che accadono in una famiglia cristiana normale, che vive la fede biblica giorno per giorno.
.
SUL SITO SEGUONO L’INTERO SCRITTO, GLI EVENTUALI CONTRIBUTI DEI LETTORI E LE MIE OSSERVAZIONI
.
[CONTINUA LA LETTURA: http://diakrisis.altervista.org/_Prob/T1-Nonno_Mds.htm] Solo dopo aver letto l’intero scritto sul sito, voi che rispondereste nel merito alle questioni in esso contenute?
     ATTENZIONE: Quanto scritto sulle bacheche o nei gruppi gestiti da Nicola Martella o inviato per e-mail, può diventare oggetto di un nuovo tema di discussione o un contributo sul sito «Fede controcorrente» e su altri associati a esso. ► Per ricevere e-mail di notifica sulle novità, ISCRIVITI ALLA MAILING LIST: http://groups.google.com/group/fede-controcorrente/subscribe
.
*** Discuti questo tema qui o sulla mia pagina di "Facebook": https://www.facebook.com/notes/fede-vivente/fa-il-nonno-cristiano/1449557055075524

martedì 7 marzo 2017

Astrologia e oroscopo



ASTROLOGIA E OROSCOPO
.
1.  LA RELIGIONE DIVINATORIA: L’astrologia è una vera religione sostitutiva. Qualcuno l’ha definita una religione per menti deboli. Essa è una superstizione dai contorni religiosi. L’astrologia crea una vera dipendenza fra i suoi iniziati.
     In effetti, l’astrologia è «astromanzia», ossia divinazione mediante gli astri; e come tale è un’arte occulta. Rappresenta un sistema divinatorio di natura ideologica, che nulla a che fare veramente con lo «zodiaco», gruppi di stelle lontane da loro anni luce e che solo nella fantasia umana rappresentano qualcosa (in Cina la fantasia umana legge nel cielo altri animali e segni zodiacali!).
     L’oroscopo proviene dalla fantasia di chi lo formula. È pieno di luoghi comuni e di generalizzazioni tali che, alla fine, alcuni si sentiranno toccati dalle sedicenti predizioni. Nello stesso giorno, basta guardare una decina di oroscopi per lo stesso segno zodiacale in differenti giornali e seguire la cosa per un paio di settimane, per rendersi conto che tali autonominati astrologi affermano cose differenti e spesso contraddittorie nello stesso giorno e per lo stesso segno. Inoltre ricorrono continuamente gli stessi luoghi comuni e le medesime generalizzazioni tali, che alcuni lettori crederanno che tale vestito calzi loro bene.
     Si tratta di psicologia filosofica, senza alcuna base scientifica, secondo cui sono i lettori ad adempiere le cose che degli autonominati astrologi affermano. Gli astrologi affermano ciò, che i lettori vogliono sentirsi dire. È un surrogato di una religione consolatoria; infatti, essi affermano che bisogna crederci, perché gli oroscopi si adempiano.
.
2.  L’ASTROLOGIA ALLA LUCE DELLA BIBBIA: Biblicamente parlando, l’astrologia e l’oroscopo sono una menzogna e apre la mente degli adepti alle influenze di spiriti e demoni. Esse sono espressioni dell’occultismo e dell’esoterismo. Diversi astrologi sono sotto l’influenza di uno «spirito guida», un demone che dà loro una facoltà di chiaroveggenza; chi si affida a tali astrologi, subisce le influenze di tale spirito impuro, che prende il dominio sulla loro vita. Perciò, la Bibbia dichiara l’astrologia e l’oroscopo arti divinatorie e, come tali, degli abomini. Chi non si ravvede e li abbandona, perderà l’anima sua. [→ Continua sul sito]
.
[→ CONTINUA LA LETTURA: http://puntoacroce.altervista.org/_Cul/A1-Astrologia_Oc.htm] Solo dopo aver letto l’intero scritto, voi che rispondereste nel merito alle questioni in esso contenute? {Nicola Martella}
     ATTENZIONE: Quanto scritto sulle bacheche o nei gruppi gestiti da Nicola Martella o inviato per e-mail, può diventare oggetto di un nuovo tema di discussione o un contributo sul sito «Fede controcorrente» e su altri associati a esso. ► Per ricevere e-mail di notifica sulle novità, ISCRIVITI ALLA MAILING LIST: https://groups.google.com/forum/#!forum/fede-controcorrente/join
.
*** Discuti questo tema qui o sulla mia pagina di "Facebook": https://www.facebook.com/notes/puntoacroce/astrologia-e-oroscopo/10155111651562990

martedì 21 febbraio 2017

Vernice fresca sulla vecchia ruggine



VERNICE FRESCA SULLA VECCHIA RUGGINE

.
1.  ESSERE E APPARIRE: Il comune aveva incaricato un operaio di ridipingere l’inferriata di un parco, che il tempo e le intemperie avevano danneggiato, portando alla luce la ruggine. L’uomo pigro e menefreghista, sapendo che nessuno lo controllava, se la prese comoda; invece di scartavetrare il metallo e di metterci sopra l’antiruggine, per poi passare a riverniciarlo ad arte, ci stese sopra semplicemente un paio di mani di vernice. Egli pensava: «Tanto, chi vuoi che se ne accorga!». Sopra c’era la bella copia, ma sotto il problema restava.
     Similmente alcuni agiscono con la propria vita! L’importante è ciò, che si vede fuori. Che poi il loro cuore nasconda una latrina, non importa. Questo era proprio ciò, che facevano i religiosi al tempo di Gesù. Cristo li chiamò ipocriti e ciechi, poiché con la loro rituale religiosità di facciata facevano come coloro, che pulivano l’esterno del bicchiere e del piatto, mentre all’interno continuano a essere sozzi o, come disse Gesù, sono pieni di rapina e d’intemperanza (Matteo 23,25). Gesù propose loro una pulizia radicale dall’interno verso l’esterno (v. 26).
     Gesù aumentò la sua enfasi illustrativa, dicendo, senza mezzi termini, a tali religiosi tradizionalisti, formalisti e ipocriti che assomigliavano a sepolcri imbiancati, che alla vista appaiono belli, mentre in realtà sono pieni d’ossa di morti e d’ogni impurità (v. 27). Gesù concluse così tale illustrazione: «Così anche voi, di fuori sembrate giusti alla gente; ma dentro siete pieni d’ipocrisia e d’iniquità» (v. 28).
     In pratica, in giro ci sono molte persone corrose dentro dalla ruggine, ma che fuori appaiono ben verniciate di cristianesimo apparente. Si accontentano che gli altri abbiano una buona reputazione di loro; l’importante è che non si sappia che la ruggine li stia consumando dentro, che la latrina del loro cuore si allarga sempre di più. E poi, semmai succederà qualcosa di tragico, gli altri diranno: «Era una persona così brava e rispettosa! Non avremmo mai immaginato...».
.
2.  PER L’APPROFONDIMENTO BIBLICO: [→ Sul sito]
3.  PUNTI DA PONDERARE: [→ Sul sito]
.
SUL SITO SEGUONO L’INTERO SCRITTO, GLI EVENTUALI CONTRIBUTI DEI LETTORI E LE MIE OSSERVAZIONI
.
[CONTINUA LA LETTURA: ] Solo dopo aver letto l’intero scritto sul sito, voi che rispondereste nel merito alle questioni in esso contenute?
     ATTENZIONE: Quanto scritto sulle bacheche o nei gruppi gestiti da Nicola Martella o inviato per e-mail, può diventare oggetto di un nuovo tema di discussione o un contributo sul sito «Fede controcorrente» e su altri associati a esso. ► Per ricevere e-mail di notifica sulle novità, ISCRIVITI ALLA MAILING LIST: http://groups.google.com/group/fede-controcorrente/subscribe

.